Open
Open

HISTORY

La Storia

History of the house.

From the outside it is a perfect example of the typical Aosta Valley architecture; inside it is an absolute pleasure for all senses.
After four years of passionate and excellent restoration, this house of year 1779 has come back to life, maintaining its typical atmosphere, which perfectly lives together with the most sophisticated contemporary comforts.
Entering Le Coffret is like leaving for a trip through time, where the warmth of typical Aosta Valley architecture comes alongside with the pleasure of a contemporary hospitality.
The project has been conceived completely respecting the authentic style: this way stone walls, wooden beams and antique furniture appear to guests and to beauty lovers.
It is the warmth of mountain raised to design: it is the pleasure of staying at Le Coffret.

Storia
Storia
Storia
Storia
Storia
Storia
Storia
Storia



Why Le Coffret?

The choice of the name Le Coffret is a tribute to our grandfather Gino, who was a wood carver, following the great Aosta Valley handicraft tradition. Among the works he used to display at Saint Ours fair, jewel-cases (coffret) were the most popular and appreciated. So we decided to name Le coffret the house he was living in, where he used to craft his works and where we grandchildren met him and loved him.

 

LA STORIA

La storia della casa.

Fuori è un esempio perfetto dell’architettura tipica valdostana; dentro è un piacere assoluto per tutti i sensi.
Dopo 4 anni di appassionati e sapienti restauri, questa casa del 1779 torna a vivere, conservando la tipica atmosfera, che convive in perfetta armonia con i più sofisticati comfort contemporanei.
Entrare a Le Coffret è come partire per un viaggio nel tempo, dove il calore dell’architettura tradizionale valdostana si affianca alla piacevolezza di un’ospitalità contemporanea.
Il progetto è stato concepito in modo assolutamente rispettoso dello stile autentico: così le pareti in pietra, le travi in legno e gli arredi d’epoca si offrono agli occhi ammirati degli ospiti e dei cultori del bello.
È il calore della montagna elevato a design: è il piacere di fermarsi a Le Coffret.

 

 

Perché Le Coffret?

Il nome Le Coffret è un omaggio a nonno Gino, intagliatore di legno secondo la grande tradizione artigianale valdostana. Fra le opere che esponeva regolarmente alla fiera di Sant’Orso, gli scrigni portagioie (i coffret, appunto) erano i pezzi più apprezzati. Così abbiamo chiamato Le Coffret la casa dove viveva, dove creava i suoi oggetti in legno, e dove noi nipoti lo abbiamo conosciuto e amato.

page